叙利亚 政府军和反叛武装力量在阿勒颇上演决战

2012/07/28 沙特阿拉伯
示威反沙特政府的什叶派穆斯林遭逮捕、受伤
东部蕴藏着丰富石油资源的省份卡迪夫发生抗议示威,这里也是什叶派穆斯林为少数的地区。被逮捕的有一直被利雅得当局视为眼中钉的穆罕默德·艾尔-沙克里。沙特阿拉伯全力支持叙利亚反政府武装力量的斗争,但却血腥镇压国内的异议之声
2012/07/28 尼泊尔
总统和联合国官员谴责攻击私立学校暴行
by Kalpit Parajuli
亚达夫总统对学生未来感到"担忧";呼吁政府保障"安全"。联合国代表深有同感,要求尊重学校是"和平区"的共识。天主教会为尼泊尔国内教育作出贡献

2012/07/28 香港
香港女性全球最长寿
香港女性平均寿命为86岁、男性78岁。出生率低、医疗福利好促成香港人口整体寿命高。日本失去霸主地位,平均年龄"仅"为85岁
2012/07/28 巴基斯坦
费萨拉巴德教区注重青年正义与和平教育
by Shafique Khokhar
各堂区青年参加了在旁遮普邦举办的研讨会。论题主要有媒体的作用、与不同领域和人士交流与对话。与会者积极参与同毒品做斗争、宣讲天主圣言。教区青年委员会主任指出:青年们承担着建设和平的重任
2012/07/28 亚洲
世界自然基金会报告指越南迫害动物犯罪问题最严重
排在联合国自然基金会黑名单前列的有中国、老挝和泰国。面临危险的动物主要有老虎、犀牛和大象。黑市和偷猎是造成动物濒临灭绝的主要原因。这项调查是在23个亚洲和非洲国家进行的,印度和尼泊尔"取得进步"
2012/07/27 西藏 - 中国
假班禅是"政府的傀儡,他的话一点份量都没有"
by Chen Weijun
北京选的班禅为了排斥真班禅访问拉萨、将矛头直指反中共的抗议:"他们不是有信仰的人"。一年轻喇嘛向亚洲新闻通讯社评论说"他是住在金监狱里的可怜虫。他不认识西藏、北京一奏乐他就得被迫跳舞。我们可怜他"。诺布的声明是中共强行镇压各宗教真宗的战略组成部分
2012/07/27 叙利亚
政府军和反叛武装力量在阿勒颇上演决战
今天清晨,政府军继续用直升飞机和坦克轰炸阿勒颇市。叙利亚反对派控制了市内40%的地区;再次上演屠杀的危险极高。亲阿萨德政府女议员逃往卡塔尔
2012/07/27 英国 - 亚洲
伦敦二O一二:危机时代的奥运会在乌龙和奇事中即将开幕
今晚,盛大的奥运会开幕式将正式举行,全世界四十多亿人将共同观看盛况。百万经济利益、科技投资与粗心大意的错误并驾齐驱。从北朝鲜的国旗、到亚美尼亚运动员的"俄罗斯"国籍。中国农民骑三轮车两年结束漫长旅程,抵达伦敦参加奥运会
2012/07/27 中国
薄熙来之妻可能被判死刑(或仅蹲几年监狱)
by Wang Zhicheng
媒体纷纷报道安徽省合肥市人民检察院正式就薄谷开来、张晓军涉嫌故意杀人案向合肥市中级人民法院提起公诉的消息。博客却遭封杀;《人民日报》旗下《环球时报》撰文指"任何人走上刑事被告席都是普通人"。但薄谷开来很可能免除一死
2012/07/27 菲律宾
十六人在棉兰老岛政府军和阿布萨耶夫武装游击队冲突中丧生
暴力冲突发生在巴西兰岛的农业城市萨米西普,当地盛产橡胶。为抗议政府农业改革,当地农民加入反叛伊斯兰武装民兵



» 07/26/2012 16:41
ISLAM - CHRISTIANITY
A Muslim convert talks about Christ
by Bernardo Cervellera
By coming out openly on TV, with the danger of recognition and persecution for 'apostasy,' Mohammed Christophe reasserted the importance of conversion and baptism. In Muslim nations, various bishops and priests refuse to baptise Muslims who want to become Christian. Yet, conversion means a revolution in the relationship with God, the father, and Jesus, who gave his life, for one gives up everything putting one's life at risk.


Rome (AsiaNews) - A few days ago, the website of Notre Dame de Kabylie posted a tape in which a former Muslim, Mohammed Christophe Bilek, talked about his conversion to Christianity. The original broadcast, which focused on the persecution of Christians, first appeared in 'Dieu Merci' (Thank God), a show that deals with religion on Direct 8, a French TV channel.
Mohammed Christophe Bilek was born in Algeria in 1950 and has lived in France since 1961. He is the author of two books: Un algérien pas très catholique (A not very Catholic Algerian), published by Cerf (1999) and Saint Augustin raconté à ma fille (Saint Augustine as told to my daughter), published by Éditions Qabel (2011). In the 1990s, he founded the Notre Dame de Kabylie (in French), a website devoted to evangelisation among Muslims and Muslim-Christian dialogue.
In the video, Bilek highlights the risk Muslim converts face when accused of apostasy, an offence that can be punished by death. Nevertheless, he insists on the importance of baptism, the encounter with Jesus Christ and affiliation with the Church.
His views go against those of priests and bishops in Muslim countries, who prefer to dissuade or even deny baptism to Muslims who want to convert out of fear for the consequences they and Christian communities might face.
Is baptising banned?
A few weeks ago, a bishop in an Arab country in the Middle East told me that police threatened to close one of his communities because members had advertised a Christian-Muslim meeting on dialogue. Police were concerned that this might be the first step towards so-called proselytising and apostasy. "If this is the reaction to a meeting on dialogue, imagine what it would be if we had a conversion," an embittered bishop said.
It is no wonder then that the prelate is against conversions and baptisms for only this seems to be the way to preserve the little freedom of worship that exists in the country in question.
In places like Morocco, and until recently Algeria, the situation is such that dioceses were instructed not to baptise Muslims who want to convert to Catholicism because "local laws ban it."
Fr Samir Khalil remembers that a few years ago, he met a Muslim whose request for baptism was rejected for 13 years. Baptism, he was told, would bring him a lot of trouble, force him to emigrate to avoid being executed for apostasy, and endanger the priest performing the baptism. And yet, for all this time, the would-be convert studied the Gospels and the catechism on his own and led a life of prayers.
In Egypt, the Christian clergy also tends to avoid baptising Muslims; only a few priests have done so in secret. Speaking to AsiaNews, a religious who has been in Egypt for decades, said that baptising at any cost "is against the Second Vatican Council because the Council said that non-Christians can also find salvation outside the Church." Implicitly, this means that baptism is unnecessary and that people find salvation according to their circumstances.
This is not the place to start a theological debate about the faith in Christ and the salvation of non-Christians. Suffices it to say, that both Dominus Iesus and the Doctrinal note on some aspects of evangelization reiterate the importance of a 'visible' and socially relevant affiliation to Christ and the Church.
What is more, baptism is a life-changing experience, one that alters the convert's perception of life. Changes occur in the here and now, not in some future 'eternal' life after death. For this reason, offering others the baptism is not a superficial deed but a gift of life and hope in the present. Being baptised or not being baptised are not equivalent.
Christians' 'solar' God vs the Qur'an's 'lunar' God
Faith changes the present in a profound and meaningful way. On Notre Dame de Kabylie, Mohammed Christophe explains his conversion by stressing his new understanding of God.
"If the God of the Qur'an is the same as that of the Christians, why did I, Mohammed, become Christophe," he asked himself. "Having lived in Islam, practiced its precepts among people who are still Muslim (his family still is), I continue to be dazzled by the discovery of the Gospel," he said by way of answer.
"The light that comes from the Gospel suggests a comparison, one based on a certain premise. Anyone who wants to talk about the God of Islam must refer to Qur'an. If we replace the word 'God' with 'light', the light of the Qur'an is lunar, that of the Gospel is solar."
"Whether God is one, i.e. the creator, whatever the name we might have given him, is something I can accept. If we stuck to this premise, it would not be necessary to leave Islam and become Christian."
"Yet, Jesus came to reveal, first to the Jews, then to all men, that 'God is your Father, that God loves you and wants you with Him to give you His life!' Upon such words, I do not hesitate one moment. I accept the offer, not once, but twice. I know that the Qur'an makes an offer in which I may deserve (but that is not certain) a carnal and materialist heaven (Sura 38, 50-52) that reminds me more of ads for vacation spots to idle away the time under the tropical sun than of the certainty of 'knowing' my God and Lord."
What about the images we have of Christ and Mohammed? Two quotes say it all for Mohammed Christophe. In one case, Jesus said, "I am the good shepherd. A good shepherd lays down his life for the sheep," whilst in the other, Mohammed is told "O Prophet! We have made lawful to thee thy wives to whom thou hast paid their dowers; and those whom thy right hand possesses" (Sura 33, 50)."
"Let us be serious. It is one thing to say 'there is but one God for all;' it is another to say that He is interested in me, insignificant worm, to the extent that he 'deifies' me in Jesus. [. . .] Such revelation was my calling."
Jesus, man's freedom without submission
Mohammed Christophe also speaks about apostasy and the possibility of death that comes from following him.
Christ says, "Are you ready to follow me and leave everything for me? When one realises what Jesus asks, out of love, we can see how difficult it is to follow him. It is also one thing to say 'yes' with one's lips; it is another to leave everything behind for Him.
"For those of us who come from Islam, this means breaking with one's past, family and community as well as one's moral or spiritual certainties."
"I say it is much easier to remain a Muslim, not take a stance (since we have the same God). There are many easy excuses not to make the break, not to accept this transformation, not to die in oneself and not to follow Christ. Conversion is demanding and cannot be done without his help."
"This is what the rich youth in the Gospel could not do, because, at least at the start, one must freely agree. Jesus does not impose on me any "submission" but only the freedom to love him."
"This is an important difference. Does God create us as free men or slaves? Depending on our answer, God is not the same. In one case, I risk the punishment reserved for apostates or unbelievers; in the other, I am the prodigal son expected by his father, who calls all his servants as soon he sees him on the horizon."
"Leaving Islam is dangerous. It is done at the risk of one's life. Thus, dear brothers and sisters in the West, welcome and help those who do it."
"I insist. I am not talking about the God of the Muslims but of the God of the Qur'an. Muslims are my brothers; perhaps one day, they may be my brothers and sisters in Christ."
"Since the 1990s, this has not only been a hope but it has also been a reality that has made me rejoice and praise the Lord. Alleluia! Jesus has come to save all men, Muslims included."



» 26/07/2012 15:26
ISLAM - CRISTIANESIMO
Parla un musulmano convertito a Cristo
di Bernardo Cervellera
Facendosi riprendere da una TV a pieno viso - col rischio di essere riconosciuto e perseguito per "apostasia" - Mohammed Christophe riafferma il valore della conversione e del battesimo. Ma diversi vescovi e sacerdoti nei Paesi a maggioranza islamica rifiutano il battesimo ai musulmani che vogliono diventare cristiani. Eppure convertirsi significa una rivoluzione nel rapporto con Dio che è Padre; con Gesù che mi dona la sua vita; abbandonando tutto a rischio di persecuzione e di morte per apostasia.


Roma (AsiaNews) - Nei giorni scorsi il sito di Notre Dame de Kabylie ha diffuso un video in cui un ex musulmano, Mohammed Christophe Bilek, racconta la sua conversione al cristianesimo. Il video è tratto dalla trasmissione "Dieu merci (Grazie a Dio)", sul tema della "Persecuzione dei cristiani", per la catena televisiva Direct 8.
Mohammed Christophe Bilek è nato in Algeria nel 1950 e vive in Francia dal 1961. È l'autore di due libri, "Un algerino non troppo cattolico" (1999, Cerf) e "Sant'Agostino raccontato a mia figlia". Dagli anni '90 egli è anche il responsabile del sito Notre Dame de Kabylie, per l'evangelizzazione dei musulmani e il dialogo islamo-cristiano.
Il video mette in luce il rischio per i musulmani convertiti di essere accusati di apostasia e perdere la vita, ma nonostante ciò l'intervistato ribatte l'importanza del battesimo, dell'incontro con Gesù Cristo e dell'appartenere alla Chiesa.
La testimonianza di Mohammed Christophe cozza contro le considerazioni di sacerdoti e vescovi dei Paesi a maggioranza islamici che, per timore di conseguenze sui convertiti e sulle comunità, preferiscono rallentare o addirittura escludere il battesimo per i musulmani che vogliono convertirsi.
 Proibito battezzare?
 Settimane fa, il vescovo di un Paese del Medio oriente arabo mi raccontava che una delle sue comunità è stata minacciata di chiusura da parte della polizia solo perché i fedeli stavano pubblicizzando un incontro di confronto e dialogo fra cristiani e musulmani. La polizia temeva che questo fosse il primo passo verso il cosiddetto "proselitismo" e "l'apostasia". "Se questa è la reazione a un incontro sul dialogo - concludeva il vescovo con amarezza - figuriamoci quale sarebbe per una conversione!".
A causa di ciò, e per salvare almeno la libertà di culto che si garantisce in quel Paese, il vescovo frena ogni conversione e battesimo.
La situazione è ancora più netta in Marocco - e fino a poco tempo fa in Algeria - dove le diocesi danno chiare indicazioni a non battezzare alcun musulmano che voglia convertirsi al cattolicesimo. Il motivo è che "le leggi del Paese lo proibiscono".
P. Samir Khalil racconta che alcuni anni fa ha incontrato un musulmano che da 13 anni (!) chiedeva di essere battezzato e ciò gli veniva di continuo rifiutato. I sacerdoti spiegavano che il suo battesimo avrebbe portato enormi difficoltà a lui - che per evitare la morte per apostasia avrebbe dovuto emigrare - e al prete che gli avrebbe amministrato il battesimo. Intanto, il povero musulmano si era studiato da solo i vangeli e il catechismo, praticando una vita di preghiera.
Anche in Egitto si tende a frenare le conversioni e a non battezzare, sebbene alcuni sacerdoti mi abbiano confidato di aver amministrato qualche battesimo in segreto. Interrogato da AsiaNews, un religioso da decenni in Egitto ha risposto che voler battezzare a tutti i costi è "contro il Concilio Vaticano II perché il Concilio ha sottolineato la salvezza dei non cristiani anche al di fuori della Chiesa". La conclusione sembra essere: non c'è bisogno di battezzare; ognuno si salva nella condizione in cui è.
Non vale la pena aprire qui un dibattito teologico sulla fede in Cristo e la salvezza dei non cristiani. Del resto, mi sembra che la Dominus Jesus e il documento della Dottrina della fede sul "proselitismo" ribadiscono l'importanza di un'appartenenza anche "sociale", visibile al Cristo e alla Chiesa.
Mi importa sottolineare il fatto che essere battezzato è qualcosa che cambia la vita e la percezione della vita del convertito; il cambiamento avviene ora, nella storia, e non nel futuro di una vita "eterna" dopo la morte. Per questo, offrire il battesimo a chi lo chiede non è una questione di superficie, ma un dono di vita e di speranza già oggi. Non è dunque uguale a zero il bilancio fra essere e non essere battezzati.
 Il Dio "solare" dei cristiani; quello "lunare" del Corano
 La fede cambia il presente in modo profondo e significativo. In un'altra testimonianza riportata su Notre Dame de Kabylie, Mohammed Christophe, spiegando la sua conversione, sottolinea la sua nuova comprensione di Dio.
Il convertito si chiede: "Se il Dio del Corano è lo stesso di quello dei cristiani, perché io, Mohammed, sono divenuto Christophe?" E la risposta è "Avendo vissuto nell'islam, avendo praticato i suoi precetti, circondato da persone ancora oggi musulmane (la mia famiglia si definisce musulmana), io non cesso di essere abbagliato dalla scoperta del Vangelo. La luce che da esso emana può suggerire un paragone, che però suppone una premessa: chi vuol discutere del Dio dell'islam deve riferirsi al Corano. Ed ecco: se si rimpiazza la parola 'Dio' con quella di 'luce', quella del Corano è una luce lunare, quella del vangelo è una luce solare....
In effetti che Dio sia unico, creatore, o qualunque altro nome gli si attribuisca, si può ammetterlo. Ma se ci si ferma a questo postulato, non è necessario abbandonare l'islam per divenire cristiano. Ma Gesù è venuto per rivelare agli ebrei e poi a tutti gli uomini che 'Dio è vostro Padre; Dio vi ama e vi vuole con Lui per donarvi la Sua vita!'. A questo punto io non esito nemmeno un istante: accetto quest'offerta non una sola volta, ma anche due! Del resto io so che [l'offerta] che mi fa il Corano è di meritare forse (perché non c'è garanzia) un paradiso carnale e materialista (s.38, 50-52), tanto da farmi pensare più a una pubblicità di qualche luogo di vacanza e di ozio, sotto il sole dei tropici, ma non mi dà alcuna certezza di 'conoscere' il mio Dio e Signore!".
Mohammed Christophe fa poi un paragone fra la figura di Cristo e quella di Maometto: "E che dire del volto di Cristo e quello di Maometto? Basteranno due citazioni: Gesù (in Giov. 10,11) dice: ' Io sono il buon pastore; il buon pastore dà la vita per le sue pecore'. Maometto (in s.33,47): O profeta! Ti è lecito sposare tutte le donne che hanno la dote; tutte le prigioniere che Dio ha messo nelle tue mani!'. Siamo seri: una cosa è dire ' Vi è un solo Dio per tutti'; altra cosa è dire che Egli si interessa a me, verme insignificante, fino a volermi 'divinizzare' in Gesù.... Questa è la rivelazione che mi ha chiamato!".
 Gesù, la libertà dell'uomo senza "sottomissione"
 Mohammed Christophe si sofferma poi sulle questioni dell'apostasia e sul seguire Cristo fino al rischio della morte:
"[Cristo domanda:] Sei pronto a seguirmi e a lasciare tutto per me? Quando si è ben compreso ciò che Gesù richiede per amore, si misurano tutte le difficoltà per rispondere a Lui in modo affermativo. E una cosa è dirgli 'sì' con le labbra; altra cosa è lasciare tutto per Lui. A noi che veniamo dall'islam ciò ha per conseguenza di rompere con il proprio passato, la propria famiglia e comunità, le proprie certezze morali o spirituali.
Lo so, è molto più semplice rimanere musulmani. Non prendendo alcuna posizione (Beh, in fondo abbiamo lo stesso Dio), le scuse sono numerose e facili per non operare questo abbandono, accettare questa trasformazione, morire a se stesso e seguire Gesù, [in] una conversione esigente che si compie solo con il suo aiuto. È il passo che il giovane ricco del Vangelo non ha voluto fare, perché almeno all'inizio, occorre il proprio libero consenso: Gesù non mi impone di 'sottomettermi'[islam], ma di amarlo in tutta libertà. Ed ecco ancora una grande differenza: Dio ci crea liberi o schiavi? A seconda della nostra risposta, Dio non diviene più lo stesso: in un caso io incorro nella punizione riservata agli apostati o agli empi; nell'altro io sono il figliol prodigo atteso dal padre, che chiama tutti i servitori non appena mi vede all'orizzonte. Lasciare l'islam è pericoloso, lo si fa a rischio della vita. E allora, cari fratelli e sorelle dell'occidente, accogliete e sostenete quelli che lo fanno....
Insisto: io non parlo del Dio dei musulmani, ma del Dio del Corano. I musulmani sono miei fratelli e forse domani saranno miei fratelli e sorelle in Cristo. E dagli anni '90 questa non è solo una speranza, ma una realtà che mi fa gioire e lodare il Signore: Alleluia! Gesù è venuto per salvare tutti gli uomini, anche i musulmani!".